Ultima modifica: 29 novembre 2017

La mia scuola sicura

 

22 novembre Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole.
Gli eventi organizzati dalla scuola primaria “G. de Giuseppe per diffondere la cultura della sicurezza nelle scuole ha coinvolto gli alunni e i docenti delle classi 5^.
Giornata impegnativa con la visione di filmati a cura del Responsabile sulla sicurezza dell’I.C. e della Protezione Civile. A seguire le simulazioni di primo soccorso: massaggio cardiaco, uso del defibrillatore, rianimazione e intervento dell’ambulanza, grazie alle Associazioni I.R.C. e Angels Salento.
Gli alunni hanno dimostrato tanto interesse e partecipazione grazie alla bravura dei volontari che sono riusciti a coinvolgerli emotivamente.
Vogliamo ringraziare in particolar modo l’ing. Congedo, il dott. Toma Nicola Giovanni, presidente della Protezione Civile di Muro Leccese, il vice presidente Botrugno Fernando e il segretario De Pauli Giovanni e i loro volontari; il presidente della Protezione Civile di Maglie Toma Giovanni e i volontari di Maglie; la responsabile dell’associazione I.R.C. De Carlo Anna e i volontari dell’associazione Angels Salento per la messa a disposizione dell’ambulanza. A voi tutti il nostro GRAZIE!!!!

Lettera_Ringraziamenti_Associazioni

Lezioni “speciali” e dimostrazioni: è la Giornata nazionale per la sicurezza nelle scuole

54632b81-122d-47e5-9a40-641e7dff2d0e-1024x576c23d2463-fc14-41c5-af0f-b9d62d8df183-1024x768b00930ef-9cf8-44f5-8a05-544ea2863951-1024x7687869fbca-d0e3-42db-9a0a-4fbcd80a00b9f449af2c-1275-42c3-a398-354facd7e3ba-1024x768c129e47e-0721-4f28-b958-d154f596d430-1024x768ea3cecdf-0103-4581-bef5-8f0d862ad73e-1024x7682f0bcac4-c52e-42a9-91c0-f31b763199d1-1024x768d59ea791-c2a9-4325-815a-bf99776c81ef-768x102407053ef1-8d3e-4e78-bfa2-96902cc22583-1024x76869b4006d-a787-4974-93f7-0275f274c45a-768x1024ed57de12-5e0a-422f-88ba-161a24f6482d-1024x575f1612358-eb6f-4aef-93bf-939364e61f91-768x1024Locandina_Giornata_Sicurezza_Def-731x1024concorso di idee

 

DESCRIZIONE: il logo ha una valenza trasversale e simbolica e racchiude in sé molte tematiche implicite nel concetto di sicurezza. Lo sfondo rappresenta l’ unità nazionale e riassume i naturali “Diritti dell’ Uomo”, la volontà di credere in una nazione volta ad una rigenerazione etica e morale, indirizzata ad un progresso ,che tuteli tutti i cittadini, a cominciare dai più giovani.

L’ “Albero della Vita” di KLIMT è in posizione centrale, per abbracciare con i suoi rami rassicuranti i ragazzi, distribuiti in alto e lateralmente, quasi a volerli proteggere. La stilizzazione e la geometrizzazione dei rami esalta il messaggio etico, che il logo racchiude, diventando l’ albero dei valori positivi di tutti, sotto cui la scuola, rappresentata dai propri studenti, si ritrova in sicurezza.

L’ immagine dei ragazzi, veri protagonisti del LOGO, si integra perfettamente con l’ albero centrale, in quanto simbolo di rigenerazione ed energia vitale. Gli studenti rappresentati trasmettono un senso di semplicità e serenità e i loro spontanei sorrisi comunicano il loro sentirsi protetti all’ interno del contesto scolastico.

L’ elmetto e lo strumento che impugnano ci richiamano alle problematiche della sicurezza, che se non debitamente curata e organizzata può diventare fonte di pericolo. Ecco perché “LA SICUREZZA NON E’ UN GIOCO”, ma va scrupolosamente attenzionata e monitorata, con il contributo di tutti.

Il logo vuole mettere in primo piano il ruolo degli studenti, delle giovani generazioni, speranza futura di una rinnovata società contemporanea.

Resi cittadini attivi e consapevoli dall’ azione “formante “ ed “educante” della scuola, essi raccolgono in sé il seme del cambiamento e dell’ innovazione responsabile.

Oltre alle tematiche del LOGO si ritiene originale l’ intero progetto in quanto introduce metodologie innovative, di derivazione anglosassone che le Avanguardie Educative (INDIRE) stanno proponendo all’ interno dello scenario didattico ed educativo italiano.

Il progetto, favorendo l’ approccio dialettico e il lavoro di gruppo , supera le modalità tradizionali di apprendimento, per aprirsi alla contestualizzazione dei contenuti nella società civile, attraverso innovative rappresentazioni della conoscenza.

Il progetto prevede, inoltre, un modulo di formazione per i docenti.